Perché non mi piacciono i libri “di auto-aiuto”: tre recensioni negative

Sono sempre stata contraria ai libri che consigliano come cambiare ciò che non ti piace della tua vita attuale, perché sono dell’ idea che non servano a nulla.. E poi perché ritengo che non bisogna essere necessariamente perfetti in tutto, se non siamo portati per una determinata cosa mettiamoci l’ anima in pace e concentriamoci invece sulle cose che amiamo e sappiamo fare meglio, senza sprecare tempo a leggere manuali su come dimagrire, come guadagnare di più, come trovare un marito, come sembrare più giovani, come fare 300 cose in un’ora e via dicendo.. Ritengo che sia solo tempo sprecato e che ci siano libri molto più interessanti da leggere.

Detto questo inizio con la prima recensione, di un libro che si chiama “Falli Soffrire: Gli Uomini Preferiscono le Stronze” di Sherry Argov (adesso è uscita anche la versione 2.0). In realtà mi sento un po’ in colpa a recensire negativamente un libro che ho letto, prestato a tutte le mie amiche e persino alle loro mamme.. insomma è un po’ un ricordo dei nostri periodi da single! Il libro se da un lato è abbastanza ironico e divertente, dall’ altro lato non so quanto possa essere utile a trovare un compagno con cui iniziare una relazione (perché è questo il motivo per cui lo leggiamo, ammettiamolo!!), anche perché sono dell’ idea che è inutile applicare strategie, tanto, soprattutto nelle storie più durature, i nostri difetti prima o poi vengano a galla e chi davvero tiene a noi ci resterà accanto (e viceversa ovviamente!).

arton1698.jpg

Il secondo libro si chiama “Piccolo Manuale delle Decisioni Strategiche” di di Mikael Krogerus e Roman Tschäppeler. Il libro da consigli su come avere successo nella vita, anche se credo che chi acquista un libro del genere lo fa perché non ha ancora concluso niente di buono e ne è la conferma il fatto che è stato prestato a mio marito da un’ amico che lavora a nero e guadagna una miseria (oggi sono cattiva..). Innanzitutto il libro è rivolto principalmente agli uomini, ricordo infatti che in uno dei tanti schemetti proposti dagli autori, in questo caso sull’ abbigliamento, erano riportati solo indumenti maschili. Insomma perché una donna non può comprare un libro su come avere successo? Inoltre, non so perché, gli autori del libro sono ossessionati dai SUV, infatti questo veicolo viene citato molto spesso nel libro, in particolare quando affermano che l’ uomo di successo usa un “SUV ecologico”. Ora mi dite voi, chi ha mai visto un SUV ecologico??? L’ unico che mi viene in mente è il Toyota C-HR… Insomma, lo ritengo un libro pieno di consigli banali ed inutili a mio parere, e credo che sia letto soprattutto da chi vorrebbe fare chissà cosa, ma che alla fine non riesce a concludere nulla!

518JIKkbWTL._SX312_BO1,204,203,200_.jpg

Infine il peggiore di tutti è “La scienza delle coppie che durano” di Werner Bartens. Non sono stata neanche capace di leggerlo tutto, a un certo punto ho smesso e l’ ho restituito all’ amica che me lo aveva dato.. Questo libro, oltre ad essere terribilmente maschilista, elenca alcuni dei più banali luoghi comuni sugli uomini e sulle donne, avallati, secondo l’ autore da ricerche e sondaggi, ad esempio che gli uomini tradiscono per sesso, mentre le donne perché si sentono sole, che gli uomini sono attratti dalla bellezza e le donne dal denaro, che i single sono destinati a vivere di meno e tutta una serie di stronzate teorie del genere. La ciliegina sulla torta è stata quando ho letto che le donne sono più felici se si rassegnano a fare le faccende domestiche senza essere aiutate dal partner, tanto, secondo l’ autore, passeranno secoli prima di diventare tutti evoluti come i norvegesi…Non so su quale studio o sondaggio ha basato la sua teoria, ma io trovo molto più credibile questo qui ,  più recente e che dice l’ esatto contrario (per fortuna!!). in ogni caso dopo aver letto quest’ ultima cavolata ho chiuso il libro e l’ ho ridato a chi me lo ha prestato..

download.jpg

Advertisements

9 comments

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s